Immagine di copertina

Abitare i luoghi della formazione

Gioconda Cafiero

Abstract


L’architettura, attraverso il complesso fenomeno dell’abitare, contribuisce alla costruzione dell’uomo, così come l’uomo costruisce il suo mondo attraverso di essa. Dopo il fondativo ruolo dell’architettura della casa, quella dei luoghi deputati alla formazione ricopre il ruolo di interpretare e costruire la qualità dell’uomo quale essere sociale, precorrendo l’urbanità e ponendo le basi della capacità di abitare lo spazio condiviso. La lettura di realizzazioni di H. Hertzberger esemplifica l’integrazione tra visione pedagogica e progetto architettonico, visto proprio come strumento di formazione. 

Parole chiave


Educazione; Pedagogia; Abitare;

Full Text

PDF PDF (English)

Riferimenti bibliografici


Schultz, C.N. (1984). L’abitare. L’insediamento, lo spazio urbano, la casa. Milano: Electa.

Bachelard, G. (1975). La poetica dello spazio. Bari: Dedalo Edizioni.

Lévinas , E. (1990). Totalità e infinito. Saggio sull’esteriorità. Milano: Jaca Book.

Cafiero, G. (2001). Il valore dell’interno tra contemplazione e partecipazione. Napoli: B. di M..

Blundell Jones, P. (2007). Peter Hubner: Building as a Social Process. Stuttgart: Axel Menges.

Hertzberger, H. (2008). Space and Learning, Lesson in Architecture 3. Rotterdam: 010 Publishers.

Hertzberger, H. (1991). Lesson for students in Architecture. Rotterdam: 010 .

Faiferri, M. (2012). La scuola come metafora del mondo. Domusweb, 21.9.2012




DOI: http://dx.doi.org/10.1283/fam/issn2039-0491/n37-2016/4

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it