Immagine di copertina

Nuova Mediapolis: la fusione di Forma e Media

Andrzej Zarzycki

Abstract


Questo articolo presenta il paesaggio come l'interfaccia continua tra la forma fisica della città e l'uso sempre crescente di dispositivi digitali e delle loro potenzialità. Indaga gli atteggiamenti contemporanei verso gli spazi pubblici digitali, come ad esempio le facciate tradizionali multimediali, installazioni d'arte interattive e le applicazioni mobili. I paesaggi permeati dai media potrebbero, se gestiti correttamente, restituire la paternità della gestione dello spazio pubblico all’autorità del singolo cittadino sottraendolo al controllo dei soggetti privati.


Parole chiave


Situated Technologies; Mediated Citites; Media and Culture

Full Text

HTML

Riferimenti bibliografici


Christopher Alexander, A Pattern Language: Towns, Buildings, Construction, Oxford University Press, 1977

Brecht, Bertolt, La radio come mezzo di comunicazione, (1926) in Id., Scritti sulla letteratura e sull’arte, Einaudi, Torino 1973

Lynch, Kevin, L'immagine della città, (Marsilio, Padova, 1964).

Rossi, Aldo, L'architettura della città (Marsilio, Padova, 1966)

McLuhan, Marshall, Il medium e il messaggio, (Feltrinelli, Milano 1968).

William Mitchell, Città dei Bits Spazi, luoghi e autostrade informatiche, Mondadori Electa, Milano 1997




DOI: http://dx.doi.org/10.1283/fam/issn2039-0491/n40-2017/44

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it