Immagine di copertina

L’arte come presupposto di integrazione e recupero. L’ex Ospedale psichiatrico Paolo Pini a Milano

Pierfranco Galliani

Abstract


L’ex Ospedale Paolo Pini a Milano è paradigmatico di un modello morfologico autoreferenziale ed estraneo all’ambiente circostante, che si evidenzia in un sistema a padiglioni secondo un preciso diagramma funzionale per la cura delle malattie mentali. Dopo l’approvazione della legge per la chiusura degli ospedali psichiatrici, un processo di rifunzionalizzazione spontanea genera una profonda innovazione dell’immagine ambientale del luogo per mezzo dell’arte come servizio sociale.

Parole chiave


Progetto urbano; Ospedali Psichiatrici; Riqualificazione

Full Text

PDF PDF (English)

Riferimenti bibliografici


Civita A., Cosenza D. (a cura di), (1999), La cura della malattia mentale. Storia ed epistemologia, Milano.

Crippa M. A., Sironi V. A. (a cura di), (2009), Niguarda. Un ospedale per l’uomo nel nuovo millennio. Arte e storia della cura alla Ca’ Granda di Milano, Cinisello Balsamo.

Devoti C., (2008), "‘Femmine e uomini che delirano senza febbre’: luoghi e modelli per la segregazione degli alienati" ,’AΝΑΓΚΗ, 54, pp. 99-107.

Garavaglia G. F. e N., (1964), Un secolo di assistenza psichiatrica nella Provincia di Milano, Milano.

Ientile R., (2008), "Per non dimenticare: architettura come memoria scomoda della ‘follia’", in ’AΝΑΓΚΗ, n. 54, pp. 82-98.

Ripamonti L., (1995), Affori: mille anni di storia, Milano.




DOI: http://dx.doi.org/10.1283/fam/issn2039-0491/n41-2017/51

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it