FAMagazine. FAM. Research and project on architecture and design

Paesaggi comuni, paesaggi trasposti. Insediamenti cimiteriali del Mediterraneo islamico

Eliana Martinelli

Abstract


Partendo da considerazioni generali e comuni ad ogni civiltà, sul significato di cimitero come città altra, il saggio prende in considerazione alcune costanti simboliche, formali e insediative degli antichi cimiteri del mondo islamico mediterraneo, al fine di riconoscerne i caratteri che possano essere trasposti e riattualizzati per il progetto di nuovi paesaggi dei morti. Dagli insediamenti cimiteriali situati in prossimità delle porte della medina di Fès (Bab Ftouh, Bab al-Hamra, Bab Guissa, Bab Mahrouk, Bab Segma), fino ai cimiteri ottomani di Istanbul, interni ed esterni alla città (Eyüp e Karacaahmet), la città dei morti si relaziona sempre con la città dei vivi per analogie e contrapposizioni morfologiche, in linea con la cosmologia islamica.

Parole chiave


città dei morti; Mediterraneo islamico; morfologia urbana; paesaggio; insediamenti cimiteriali

Riferimenti bibliografici


BARBEY B., BEN JELLOUN T. (1996) – Fès. Immobile, immortelle, Éditions Imprimerie Nationale, Paris.

BURCKHARDT T. (2002) – L’arte dell’Islam, Abscondita, Milano. Ed. originale (1985) – L’art de l’Islam: langage et signification, Sindbad Actes Sud, Arles.

BURCKHARDT T. (2007) – Fès, Ville d’Islam, Archè, Milano.

CERASI M. (1988) – La città del Levante. Civiltà urbana e architettura sotto gli Ottomani nei secoli XVIII-XIX, Jaca Book, Milano.

DICKIE, J. (1987) – “Garden and Cemetery in Sinan’s Istanbul.” Environmental Design: Journal of the Islamic Environmental Design Research Centre, 5-6.

ELIADE M. (1965) – Le sacré et le profane, Gallimard, Paris.

FOUCAULT M. (1994) – Eterotopia. Luoghi e non-luoghi metropolitani, Mimesis Edizioni, Sesto San Giovanni (MI).

FOUCAULT M., a cura di A. Moscati (2006) – Utopie Eterotopie, Cronopio, Napoli.

GUARAGNA G. (2019) – Eterotopie. In: G. Scavuzzo. S. Pratali Maffei, G. Guaragna, Riparare l’umano. Lezioni da un manicomio di frontiera, LetteraVentidue Edizioni, Siracusa.

KOWSAR M. (1982) – “Le città dell’lslam: identità di un passato?” In: Architettura nei paesi islamici: seconda mostra internazionale di architettura, pp. 28-35. Edizioni La Biennale di Venezia, Electa, Milano.

LE CORBUSIER (1966) – Urbanisme, Ed. Vincent Freal, Paris (ed. originale 1925).

MARTINELLI E. (2017) – Turgut Cansever e la Scuola di Sedad Eldem. Unità e tettonica nel progetto per Istanbul. Tesi di Dottorato. Università Iuav di Venezia.

MARTINELLI E. (2021) – Le projet dans la médina entre conservation et transformation, in L. Hadda (a cura di), Médina. Espace de la Méditerranée, pp. 153-163. Firenze University Press, Firenze.

PICCARDO H. R., a cura di (2015) – Il Corano, Newton Compton Editori, Roma.

PETRUCCIOLI A., a cura di (1994) – Il giardino islamico. Architettura, natura, paesaggio, Electa, Milano.

PIREDDU A. (2021) – Les pierres du temps. Le regard de Tahar Ben Jelloun, Bruno Barbey et Jean Marc Tingaud sur la médina, in L. Hadda (a cura di), Médina. Espace de la Méditerranée, pp. 25-41. Firenze University Press, Firenze.




DOI: http://dx.doi.org/10.12838/fam/issn2039-0491/n57/58-2021/695

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it