FAMagazine. FAM. Research and project on architecture and design

L’architettura della scuola nei Paesi del Sud del Mondo.

Camillo Magni

Abstract


I contesti del Sud del Mondo offrano sotto molti punti di vista, un campo di sperimentazione ricco e fecondo di nuove opportunità. La riduzione di vincoli normativi, ad esempio, stimola una rinnovata indagine sulla relazione tra spazio e funzione, le ristrettezze economiche rappresentano lo strumento con cui eludere i modelli costruttivi più banali ed infine l’incontro tra culture diverse facilita contaminazioni espressive.
Fra questi progetti la funzione scolastica riveste un ruolo di primordine, rappresenta l’edificio più importante realizzato nella cornice delle Cooperazione Internazionale. Nelle righe che seguono proverò ad argomentare i motivi di questo protagonismo evidenziando gli aspetti più significativi che le recenti costruzioni scolastiche hanno messo in evidenza.


Parole chiave


Sud del Mondo; Cooperazione Internazionale; Scuola

Riferimenti bibliografici


AA. VV (1967) – “Africa”. Edilizia moderna, 89-90.

AA. VV. (2020) – “L’Africa e la retorica dell’altro. Una pagina di Hassan Fathy”. Casabella, 910 (giugno).

B. ALBRECHT (2014) – Africa big change, big chance. Editore Compositore, Milano.

M. ANTONUCCI, G. NERI (2021) – Pier Luigi Nervi in Africa. Evoluzione e dissoluzione dello Studio Nervi 1964 – 1980. Quodlibet Studio, Roma.

C. BOANO (2020) – Progetto minore. Alla ricerca della minorità nel progetto urbanistico ed architettonico. Lettera Ventidue, Siracusa

C. MAGNI (2016) – Osservare l’abitare informale. Maggioli, Milano.

S. SAMAR DAMLUJI, V. BERTINI (2018) – Hassan Fathy. Earth & Utopia. Laurence King Pub, Londra.




DOI: http://dx.doi.org/10.12838/fam/issn2039-0491/n56-2021/859

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it