Immagine di copertina

Archite(s)tura, Testi e pre-testi di architettura per la rovina

Chiara Barbieri

Abstract


Il contributo si interroga sul concetto di architettura come testo, per analizzarne le strutture sintattiche e le questioni semantiche. Nello specifico, si sottolinea come il progetto per la rovina stabilisca un dialogo con i resti antichi sulla base di un linguaggio ed un senso comune, attraverso interpretazioni, risemantizzazioni e integrazioni. L’accostamento dell’architettura alla semiologia consente di individuare - caso per caso - le possibili sintassi progettuali idonee in ambito archeologico. Abbandonando l’idea che l’architetto debba solo garantire la sopravvivenza e la trasmissione delle testimonianze storiche con interventi minimi, reversibili e riconoscibili, è necessario definire un approccio metodologico che restituisca alle rovine un nuovo valore estetico, culturale e d’uso.


Parole chiave


Composizione architettonica; Scrittura; Testo; Rovina

Riferimenti bibliografici


ARNHEIM R. (1981) - La dinamica della forma architettonica, Feltrinelli, Milano.

CALVINO I. (1988) - Lezioni americane, Garzanti, Milano.

CAO U. (1995) - Elementi di progettazione architettonica, Università Laterza Architettura, Roma-Bari.

CAPUANO A. (2014) - Paesaggi di rovine. Paesaggi rovinati, Quodlibet, Macerata.

CUOMO A. (2015) - La fine (senza fine) dell’architettura. Verso un philosophical design, Deleyva Editore, Roma.

DE FUSCO R. (1978) - Segni, storia e progetto dell’architettura, Laterza, Bari.

DERRIDA J. (2008) - Adesso l’architettura, (a cura di) VITALE F., Scheiwiller, Milano.

DERRIDA J. (1971) - La scrittura e la differenza, Einaudi, Torino.

ECO U. (1968) - La Struttura Assente, Bompiani, Milano.

ECO U. (1979) - Lector in Fabula, la cooperazione interpretativa nei testi narrativi, Bompiani, Milano.

GADAMER H. G. (1986) - Verità e metodo, Bompiani, Milano.

GENETTE G. (1989) - Soglie. I dintorni del testo, Einaudi, Torino.

GRASSI G. (2000) - Scritti scelti 1965-1999, Franco Angeli, Milano.

GREGOTTI V. (1986) - Questioni di architettura, Einaudi, Torino.

JACOB F. (1978) - Evoluzione e Bricolage. Gli “espedienti” della selezione naturale, Einaudi, Torino.

JUNGER E. (2000) - Al muro del tempo, Adelphi, Milano.

KOENIG G. K. (1964) - Analisi del linguaggio architettonico, LEF, Firenze.

LÉVI-STRAUSS C. (2010) - Il pensiero selvaggio, Il Saggiatore, Milano.

LIBESKIND D. (1997) - Radix-Matrix, Prestel, Munchen-New York.

MARZO M. (2010) - L’architettura come testo e la figura di Colin Rowe, Marsilio Editori, Venezia.

PRESTINENZA PUGLISI L. (2016) - Architettura del racconto: prime riflessioni, presS/T letter, http://presstletter. com/2016/02/architettura-del-racconto-prime -riflessioni/

PURINI F. (2000) - Comporre l’architettura, Laterza Editore, Bari.

RISPOLI F. (2012) - Dalla forma data alla forma trovata, Luciano Editore, Napoli.

RISPOLI F. (1990) - Forma e Ri-forma. Interpretare/progettare l’architettura, CUEN, Napoli.

TSCHUMI B. (1994) - Manhattan Transcripts, Academy Group, London.

ZUCCHI C. (2014) - Innesti. Il nuovo come metamorfosi, Marsilio, Venezia.




DOI: http://dx.doi.org/10.1283/fam/issn2039-0491/n45-2018/181

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it