Immagine di copertina

Architettura, narrazione e l'arte di vivere

Kostas Tsiambaos

Abstract


Questo articolo trae spunto dall'idea della filosofia come "arte di vivere" - sostenuta dal filosofo Alexander Nehamas nel suo libro The Art of Living – con lo scopo di evidenziare una connessione nascosta tra l'architettura come pratica creativa e la narrazione del sé .

Le caratteristiche di una grande architettura possono essere ricondotte a standard e valori "universali"? O invece concetti come "originalità", "autenticità" e "unicità" devono essere considerati come legati a un contesto e determinati a posteriori, rilevanti solo in relazione al racconto di un percorso creativo personale?

Attraverso una breve storia immaginaria - basata su eventi storici reali - sosterrò che il valore e l'impatto di una creazione architettonica non possono essere sempre definiti intrinsecamente, ma di solito sono direttamente correlati a ciò che viene chiamato "la costruzione del sé". Ciò che intendo dire nella mia storia è che non esiste nessuna "formula" da seguire per la grande architettura, proprio perché ogni creazione architettonica esemplare è sempre costruita sull'impalcatura di una vita esemplare. Esemplare non in senso morale, ma nel senso estetico di una narrazione legata all'arte del vivere.

Allo stesso modo, se ogni influente opera architettonica si basa su una biografia personale, allora il potenziale creativo dell'architettura non può che essere intrecciato con la questione di una narrazione del sé incentrata sull'auto-costruzione dell'architetto come persona.

Allo stesso tempo, la narrazione è spesso usata come mezzo per trascendere le basi e i limiti oggettivi della creazione architettonica e stabilire una distinzione sociale; una distinzione (nell’accezione di Bourdieu) tra gli architetti e l'Architetto. Da Le Corbusier e Louis Kahn a Rem Koolhaas e Bjarke Ingels i diversi sforzi per narrare una biografia singolare non sono altro che tecniche retoriche usate nel quadro di una strategia di persuasione. La morale di tutte queste narrative è che la persona conta davvero più del progetto. In altre parole, il valore, l'impatto e l’autorevolezza dell'architettura sono legati alla creazione dell'architetto come persona tanto quanto - se non più - della stessa creazione architettonica.


Parole chiave


Narrazione; Arte di vivere;

Riferimenti bibliografici


ARMSTRONG R. (2009) – “Oedipus as Evidence: The Theatrical Background to Freud's Oedipus Complex”. PSYART: A Hyperlink Journal for the Psychological Study of the Arts (December).

http://www.psyartjournal.com/article/show/armstrong-oedipus_as_evidence_the_theatrical_backg

[last accessed 29 July 2015].

BAKER G. H. (1996) – Le Corbusier, the Creative Search: The Formative Years of Charles-Edouard Jeanneret, Van Nostrand Reinhold - E & F N Spon, New York - London.

BROOKS A. H. (1997) – Le Corbusier's Formative Years, Charles-Edouard Jeanneret at La Chaux-de-Fonds, The University of Chicago Press, Chicago.

HUGHES G. J. (2013) – The Routledge Guidebook to Aristotle’s Nicomachean Ethics, Routledge, London.

LE CORBUSIER (1999) – Le Corbusier Talks with Students, from the Schools of Architecture, Princeton University Press, New York.

LEITER B. (2007) – Nietzsche and Morality, Oxford University Press, Oxford.

MARTIN L. H., GUTMAN H., HUTTON P. H. (1988) – Technologies of the Self: A Seminar with Michel Foucault, Amherst, University of Massachusetts Press.

NEHAMAS A. (1998) – The Art of Living, Socratic Reflections from Plato to Foucault, University of California Press, Los Angeles.

PICHLER G. (2010) – “Bertold Löffler’s Bookplate for Sigmund Freud”. Psychoanalysis and History, 12/1 (January).

RICHARDS S. (2003) – Le Corbusier and the Concept of Self, Yale University Press, New Haven, CT.

SEGAL C. (1993) – Oedipus Tyrannus: Tragic Heroism and the Limits of Knowledge, Twayne Publishers, New York.

TSIAMBAOS K. (2013) – “Après l’écrasement: d’Eleusis à Delphes”. In L’invention d’un architecte. Le voyage en Orient de Le Corbusier, Fondation Le Corbusier - Éditions de la Villette, Paris.

VON MOOS S., RÜEGG A. (2002) – Le Corbusier before Le Corbusier, Yale University Press, New Haven, CT.




DOI: http://dx.doi.org/10.1283/fam/issn2039-0491/n45/46-2018/201

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it