FAMagazine. FAM. Research and project on architecture and design

Lo spazio costretto dell’abitare_reale o virtuale?

Grazia Maria Nicolosi

Abstract


Durante il periodo di isolamento sociale che ha visto ogni persona, in maniera differente, dover affrontare una siffatta emergenza pandemica, il paper proposto offre alcune riflessioni sulla possibilità che nel prossimo futuro verosimilmente si realizzi una condizione non risolutiva dell’emergenza, ovvero che si verifichi un’eventualità estremamente catastrofista. Cosa accadrebbe per l’essere umano e quindi per l’architettura se il Covid-19 non fosse vinto? Quali conseguenze se all’uomo, costretto al persistente distanziamento sociale, sarà concesso di abitare un unico spazio, delimitato, circoscritto, misurato, virtuale? 


Parole chiave


Cyberspace; Denaturalizzazione; Meta-dati

Riferimenti bibliografici


AUGÈ M. (1994) – Ville e tenute. Etnologia della casa di campagna, Elèuthera, Milano.

BACHELARD G. (1957) – La poetica dello spazio, Edizioni Dedalo, Bari.

BAJ E. e VIRILIO P. (2002) – Discorso sull’orrore dell’arte, Elèuthera, Milano.

BAUDRILLARD J. (1988) – La sparizione dell’arte, Abscondita, Milano.

BENJAMIN W. (1982) – Parigi capitale del XIX secolo, Einaudi, Torino.

CACCIARI M. (2004) – “Nomadi in prigione”. In: A. Bonomi e A. Abruzzese (a cura di), La città infinta, Mondadori, Milano.

CUOMO A. (2015) – La fine (senza fine) dell’architettura. Verso un philosofical design, Deleyva Editore, Roma.

D’URSO S. (2009) – Il senso dell’abitare contemporaneo, Maggioli, Santarcangelo di Romagna.

DORFLES G. (1968) – Artificio e natura, Einaudi, Torino.

GIBRAN K. (1923) – Il profeta, Feltrinelli, Milano.

HAN B.-C. (2015) – La salvezza del bello, Figure nottetempo, Milano.

HARAWAY D. (1995) – Manifesto Cyborg. Donne, tecnologie e biopolitiche del corpo, Feltrinelli, Milano.

HEIDEGGER M. (1976) – “Costruire, abitare, pensare”. In: G. Vattimo (a cura di), Saggi e discorsi, Mursia, Milano.

JUNG C.-G. (1961) – Ricordi, sogni, riflessioni, Rizzoli, Milano.

NOVAK M. (1991) – “Liquid Architecture”. In: M. Benedikt (a cura di), Cyberspace: First Steps, The MIT Press, Cambridge.

NOVAK M. (2001) – “Liquid, Trans, Invisible: The Ascent and Speciation of the Digital in Architecture. A Story from Digital”. In: P. Cachola Schmalk, Digital/Real Blobmeister: First Built Projects, Birkhäuser Publications, Francoforte.

PONTI G. (1957) – Amate l’architettura, Rizzoli, Milano.

ROGERS E.-N. (1958) – Esperienza dell’architettura, Skira, Milano.

ROSSI A. (1981) – Autobiografia scientifica, Il saggiatore, Milano.

TSCHUMI B. (1994) – Event-Cities. Praxis, The MIT Press, Cambridge.

VIRILIO P. (1980) – Estetica della sparizione, Feltrinelli, Milano.




DOI: http://dx.doi.org/10.12838/fam/issn2039-0491/n52-53-2020/508

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it