FAMagazine. FAM. Research and project on architecture and design

“Paesaggi” della memoria

Claudia Pirina

Abstract


Il testo indaga il mistero della permanenza nelle forme del sacro, e in quei dispositivi architettonici capaci di mettere in relazione l’uomo con il divino. Tale aspirazione è rinvenibile in una serie di forme archetipiche primigenie dell’architettura che dimostrano quanto «nell’infanzia del tempo l'arte fu preghiera». Tali forme si perpetuano nel tempo, in una circolarità che si fa essenza, stimolando la reminiscenza. Nel testo non interessa tuttavia occuparsi solamente delle forme in sé, quanto della capacità di alcuni architetti di «mettere a contatto forme lontane, nel tempo e nella mente, [di] far incontrare un tempo con un altro tempo, [di] creare dei cortocircuiti».
Due opere sono utilizzate, in forma di esempio, per la loro capacità di declinare diversamente – oscillando talvolta ambiguamente tra l’uno e l’altro termine – quello che Teyssot riconosce come problema a fondamento dell’arte funebre: «quello dell’invenzione contro la ripetizione»: il Giardino dei Morti di Jože PleČnik a Lubiana e il Memoriale di Kampor di Edvard Ravnikar nell’isola di Rab.


Parole chiave


Archetipo funebre; cimitero di Žale; Memoriale di Kampor

Riferimenti bibliografici


ACHLEITNER F., CURTIS W.J.R., KURRENT F., PODRECCA B., SEMERANI L. e VODOPIVEC A. (2010) – Edvard Ravnikar. Architect and Teacher. SpringerWienNewYork, Wien.

AA.VV. (1988) – Jože Plečnik. Architetto. 1872-1957. Centre Pompidou CCI, Parigi. Catalogo della mostra tenuta alla Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venezia 12 novembre – 17 dicembre 1988.

BERTOLACCINI L. (2001) – “Žale: il Giardino degli Addii. Il cimitero di Jože Plečnik a Lubiana (1935-1940)”. I Servizi Funerari, 2, 61-64.

BRICOLO F. (2008) – “Il paesaggio della memoria. Edvard Ravnikar, Bogdan Bogdanović: luoghi e architetture celebrative nel territorio della ex Jugoslavia”. In: C. Quintelli (a cura di), Documenti del Festival dell’Architettura 4 2007–2008. Parma, Reggio Emilia, Modena, Parma, 44-61.

BURKHARDT F. (1988) – “Moderno, postmoderno: una questione di etica? Riflessioni sul valore morale nell’opera di Jože Plečnik”. In: Aa.Vv., Jože Plečnik. Architetto. 1872-1957, op. cit., 103-112.

CAPOZZI R. e PIRINA C. (2021) – Forme del rito, forme dell’architettura. FAMagazine International call for papers 57.

CORNOLDI A. (1996) – “La Colonna centrale come archetipo. Significati, figure, temi”. Archint. Architettura, intersezioni, 4, 94-105.

CORTESI I. (2001) – “Memorial di Kampor. Isola di Rab. Edvard Ravnikar”. Area, 56, 6-17.

CURTIS W.J.R. (2009) – “Abstraction and Representation; The Memorial Complex at Kampor, on the Island of Rab (1952-53) by Edvard Ravnikar”. In: F. Achleitner, W.J.R. Curtis, F. Kurrent, B. Podrecca, L. Semerani e A. Vodopivec, op. cit., 33-50.

CURTIS W.J.R. (2010) – “Preface. Overlapping Territories: On Situating Edvard Ravnikar”. In: F. Achleitner, W.J.R. Curtis, F. Kurrent, B. Podrecca, L. Semerani e A. Vodopivec, op. cit., 7-10.

ELIADE M. (1948) – Traité d’histoire des religions, Payot, Paris.

FERLENGA A. e POLANO S. (1990) – Joze PleČnik. Progetti e città. Electa, Milano.

FRANCIOSINI L. (2016) – “Voci nel silenzio: paesaggio e memoria”. In: L. Franciosini e C. Casadei (a cura di). Architettura e Patrimonio: progettare in un paese antico. Mancosu, 80-101.

GIEDION S. (1965) – L’eterno presente. Le origini dell’arte. Feltrinelli, Milano.

GIEDION S. (1969) – L’eterno presente. Le origini dell’architettura. Feltrinelli, Milano.

GUIOMAR M. (1967) – Principes d’une esthétique de la mort. Librairie José Corti, Paris.

KREČIČ P. (1993) – Plečnik. Lettura delle forme. Jaca Book, Milano.

LATINI L. (1994) – Cimiteri e giardini. Città e paesaggi funerari d’occidente. Alinea, Firenze.

MUGNAI F. (2017) – La costruzione della memoria. Libria, Melfi.

PARMIGGIANI C. (1995) – Stella sangue spirito. Nuova Pratiche, Parma.

PARMIGGIANI C. (2010) – Una fede in niente ma totale. In: A. Cortellessa (a cura di). Le Lettere, Firenze.

PLEČNIK J., STELE F. e TRSTENJAK A. (1941) – Architectura perennis. Mestna občina ljubljanska, Ljubljana.

POZZETTO M. (1983) – “Žale: obitorio giardino. Jože Plečnik, Lubiana 1938-1940”. Lotus International, 38, 107-111.

PRELOVSEK D. (2005) – Josef Plecnik 1872-1957. Electa, Milano.

PRELOVŠEK D., VAUPOTIČ N., RAKOVEC A., LAZARINI F. e BOYD WHYTE I. (a cura di) (2017) – Jože Plečnik. Arhitektura večnosti. Teme, metamorfoze, ideje. Založba ZRC, Ljubljana.

RAGON M. (1986) – Lo spazio della morte: saggio sull’architettura, la decorazione e l’urbanistica funeraria. Guida, Napoli.

RAVNIKAR E. (1955) – “Traditional Architecture in Yugoslavia”. In: F. Achleitner, W.J.R. Curtis, F. Kurrent, B. Podrecca, L. Semerani e A. Vodopivec, op. cit., 282-284. (Originariamente pubblicato nel 1955. “Primitivna arhitektura v Jugoslaviji - Mojster gradbeništva, Primitive architecture in Yugoslavia”. The Master of Construction, 136-139).




DOI: http://dx.doi.org/10.12838/fam/issn2039-0491/n57/58-2021/897

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it