Immagine di copertina

Le strutture dell'immaginazione. Un disegno di John Hejduk

Lamberto Amistadi

Abstract


Un disegno di John Hejduk è l'occasione per riflettere sul rapporto tra ideazione, rappresentazione e realizzazione dell'opera di architettura, seguendo i ragionamenti del maestro americano.
Attraverso i mezzi che le sono propri, walls, roofs, boundaries, l'immagine architettonica ha la capacità di evocare e richiamare il senso profondo di situazioni inattese, “rinfrescare” la nostra visione delle cose contro il pericolo dell'automatizzazione.
Ne esce un quadro in cui, nel circolo creativo che coinvolge artefice e fruitore, la realtà dell'architettura contribuisce per la sua parte al progetto di “fabbricazione del mondo”. 


Parole chiave


John Hejduk; Disegno; Ideazione

Full Text

PDF PDF (English)

Riferimenti bibliografici


Richard Pommer, Structures for the Imagination, «Art in America», marzo-aprile, 1978.

John Hejduk in Mask of Medusa, New York 1985.

Nelson Goodman, I linguaggi dell'arte, cap. V, par. 9, L'architettura.

Robert Klein, Pensiero e simbolo nel Rinascimento, in La forma e l'intelligibile, Torino 1975

Lamberto Amistadi, Paesaggio come rappresentazione, TECA 3, Napoli 2008, pp.37-41.

Picasso's Las Meninas, Editorial Meteora, Barcelona 2001, p.28

Theo van Doesburg, De architectuur als synthese der nieuwe beelding, in «De Stijl», 6

Bruno Reichlin, L'assonometria come progetto. Uno studio su Alberto Sartoris, «Lotus», 22, 1979.

Manfredo Tafuri, John Hejduk: «l'evento interrotto», in Five architects N.Y., Roma 1998.

Viktor Borisovič Šklovskij, L'arte come procedimento, in I formalisti russi, a cura di T. Todorov, Torino 1968




DOI: http://dx.doi.org/10.1283/fam/issn2039-0491/n27-28-2014/132

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 ©2010-redazione@famagazine.it