Immagine di copertina

Smart City e nuovi orizzonti di ricerca … oltre (tutte) le “ipocrisie”

Paola Scala

Abstract


Partendo da un articolo di Vittorio Gregotti dal titolo “le ipocrisie verdi delle archistar”, il paper si concentra sulle reali possibilità che il tema della smart city può offrire a una ricerca architettonica più consapevole del proprio ruolo ma anche più capace di accettare le sfide della condizione contemporanea. Una ricerca dunque che, se da un lato non cede all’accattivante fascino di slogan alla moda, dall’altro, non si rifugia in certezze universali e astratte utopie.

Parole chiave


Smart City; Ricerca

Full Text

PDF PDF (English)

Riferimenti bibliografici


Boer F. (2010); De Urbanisten and the wondrous water square, Publishers, Rotterdam.

Owen D. (2010); Green metropolis. La città è più ecologica della campagna?, Egea, Milano.

Gausa, M. (2013); “Rinaturalizzare la multi-città” in Ricci M. (2013), Nuovi Paradigmi, LISt, Trento.

Gregotti V. (2011); “le ipocrisie verdi delle archistar”, sul Corriere della sera,18 febbraio.

Koolhaas, R., Boeri S. (2001), Mutation, Actar, New York.

Quatrmère de Quincy A. Ch. (1832), Dictionnaire historique d'architecture, trad. it Teyssot G., Farinati V. (a cura di) (1985), Dizionario storico dell’architettura, Marsilio, Venezia.

Ratti.C. (2013); Smart city, Smart citizen, Egea, Milano.

Sitografia

Di Dominci G. (2012); Smart cities e communities: l'innovazione nasce dal basso http://saperi.forumpa.it/story/65555/smart-cities-e-smart-communities-linnovazione-che-nasce-dal-basso




DOI: http://dx.doi.org/10.1283/fam/issn2039-0491/n33-2015/80

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.


FAMagazine. Scientific Open Access e-Journal - ISSN: 2039-0491 © 2010-2019 redazione@famagazine.it